Le ernie addominali. Dott. Alessandro Arturi Resp.le Unità Operativa Semplice (UOS) Chirurgia Oncologica Mininvasiva presso Ospedale S. Pietro Fatebenefratelli a Roma – Specialista in Chirurgia Dell’Apparato Digerente ed Endoscopia Digestiva Chirurgica

Per ernia si intende la fuoriuscita di un viscere dalla cavità che normalmente lo contiene attraverso un orifizio o un canale anatomico o comunque attraverso una soluzione di continuo.

Le ernie addominali interessano quasi il 10% della popolazione in italia, ed è la patologia soggetta ad intervento chirurgico più frequente, anche se una parte della popolazione non ricorre alle cure mediche.

Molte persone, infatti, per timore dell’intervento chirurgico, sopportano sintomi più o meno gravi che spesso tendono a peggiorare con i mesi.

È importante ricordare il pericolo di un aggravamento improvviso, che, molto spesso, esige l’intervento chirurgico d’urgenza aumentando le complicanze dell’intervento stesso.

La riparazione di un’ernia addominale senza complicanze è invece, un’operazione semplice, veloce e poco invasiva, che pone fine ai disturbi che l’ernia provoca ed evita la probabilità di futuri imprevisti.

Un’ernia particolare è quella che si fa strada in corrispondenza della cicatrice di una pregressa ferita laparotomica; in questo caso si parla di laparocele.

Le ernie possono essere distinte in:

riducibili: quando il contenuto spontaneamente o con delicata manovra rientra in addome.

irriducibili: quando il sacco erniario per cause varie, quali l’aderenza dell’intestino alla parete del sacco o la particolare lunghezza del segmento intestinale erniato NON rientra in addome. Vi sono determinate ernie, dette permagne (fig.) in cui la quantità di intestino fuoruscito è talmente enorme che avendo difficoltà a rientrare si dice che perde il diritto di domicilio in addome.

ernia

Ernia inguinale: frequente nella prima infanzia (forme congenite), nell’età adulta (ernie da sforzo) e nella vecchiaia (ernie da debolezza). Colpisce in prevalenza il sesso maschile ed è in assoluto la forma più frequente.

Ernia crurale: più frequente nelle donne a causa della conformazione del bacino. Seconda in ordine di frequenza.

Ernia ombelicale: si riscontra a tutte le età ma più spesso nei neonati. Molto frequente nelle persone obese ed in presenza di ascite.

Ernia epigastrica o della linea alba

Ernia semilunare o di Spigelio, otturatoria, lombare : sono forme più rare.

le ernie addominali


In figura osserviamo:

1 Ernia epigastrica

2 Ernia ombelicale

3 Laparocele

4 Ernia rara di Spigelio

Per informazioni o per prenotare una visita con il Dr. Arturi, visitate la sezione Contatti